Acepokertour
Gambling, Poker e Games

Archivio di giugno 2014

Le quattro strategie pubblicitarie del gambling

gambling

La pubblicità è il motore del mercato e trovare la chiave di volte per ottenere il successo sperato è spesso un’impresa ardua. L’evoluzione dei mezzi comunicazione, come quella tecnologica, hanno snaturato i canoni classici della promozione di un prodotto, pertanto il lavoro dei creativi è divenuto estremamente complicato. Notti insonni a cercare di individuare il canale giusto, l’X Factor che possa fare da traino ad un brand.

Dalla nostra esperienza nel settore del gambling abbiamo deciso di stilare una sorta di classifica sulle strategie pubblicitarie maggiormente adottate dagli operatori nazionali e internazionali del gambling

Al primo posto spiccano i social network. Google+, Twitter e soprattutto Facebook sono divenute le agorà virtuali della nostra generazione, ove tutti i giorni si scambiano informazioni e consigli sui temi più disparati, dalla room più conveniente per giocare a poker online alle regole base del blackjack. La crescita della portata della fanpage e il ruolo del community manager sono divenute le basi portanti per investire nel settore dei casinò online con un feedback positivo nella giungla dei social.

Al secondo posto la tecnica coupon, ovvero la promozione del gioco online tramite offerte e bonus di benvenuto. Tale strategia è datata nel tempo e trova le sue origini nella sezione del betting sports, ovvero delle scommesse sportive. Colossi come Betclic, Lottomatica e Snai hanno sempre allettato gli utenti con promozioni interessanti, soprattutto per i novizi pronti ad entrare nel mondo del gambling. Un bonus necessario per prendere confidenza con le dinamiche del gioco e, nella maggioranza dei casi, per appassionarsi ad un mezzo che mette in relazione due fattori da sempre attraenti come lo sport e il gioco d’azzardo.

Al terzo posto la pubblicità online su siti web generalisti e dedicati. La crescita di utenze nelle Rete, figlia dell’abbattimento del digital divide, ha comportato un cambio di direzione degli specialisti in marketing e deal. Il formato che ha prodotto il maggior ritorno in termini di diffusione del prodotto è senza dubbio quello overlay, ovvero la finestra che si apre in sovraimpressione su un sito pochi istanti dopo il vostro accesso. L’impatto è spesso invasivo, ma se relazionato con la vostra ricerca (ovvero onsite con il sito) il bounce rate e sicuramente positivo.

Un capitolo a parte bisognerebbe dedicarlo alle applicazioni. La diffusione globale di smartphone e tablet, causa netto abbattimento dei costi rispetto ad un passato recente in cui comprare un device era un lusso, ha imposto agli operatori e gestori del gioco online di investire una buona fetta del loro capitale nello sviluppo. Chiunque nella faccia della terra possiede uno o più app dedicate ai propri interessi, di conseguenza gli amanti del gambling online hanno fatto incetta di app per giocare e puntare comodamente dal posto di lavoro o dal divano di casa.

La pubblicità è sempre in evoluzione e chissà un giorno quali altri diavolerei saranno costretti ad utilizzare per il successo di un brand.

Capocannoniere Brasile 2014: a chi andrà il titolo?

Tra le possibili scommesse sui Mondiali 2014 c’è quella che riguarda la scelta del capocannoniere, cioè dell’attaccante che realizzerà più gol in assoluto durante il Campionato.
Ogni attaccante viene quotato dai bookmaker in base alla sua carriera, alle sue capacità, alle performance nelle gare di qualificazione e nella Nazionale e in base alla squadra in cui gioca. Il giocatore più forte non potrà mai ambire al titolo se una squadra troppo debole lo “costringerà” a fermarsi prima, magari agli ottavi o ai quarti di finale!
In base alle previsioni sulla Coppa del Mondo, sono tre i candidati che con maggiori probabilità gareggeranno tra loro come capocannonieri della competizione. I loro nomi sono ben noti al mondo del calcio; si sta infatti parlando di Lionel Messi, Cristiano Ronaldo e Neymar da Sinta Salvo Junior, più noto soltanto come Neymar.

Leggi il resto di questo articolo »